Analisi dettagliata delle novità in materia di sicurezza del Decreto del FARE.

Decreto del FarePubblichiamo una trattazione dettagliata ed articolata di tutte le modifiche in materia di sicurezza,  a seguito della approvazione definitiva e dell’entrata in vigore del decreto del FARE.

Questo articolo segue i precedenti (QUI e QUI)

(Il testo liberamente accessibile è limito ai soli primi paragrafi. il testo integrale è composto da 10 pagine.)

CAMPO DI APPLICAZIONE DEL D.LGS. N.81/08

L’art.3 viene modificato con la sostituzione del comma 12-bis. In esso vengono sostanzialmente ridefinite le indicazioni sull’informazione, sulla formazione e sulla gestione della sicurezza dei dipendenti da parte del datore di lavoro che occupa volontari di cui alla Legge 266/91, volontari che effettuano servizio civile, soggetti che prestano la propria attività spontaneamente e a titolo gratuito o con mero rimborso delle spese in favore delle associazioni di promozione sociale, delle associazioni sportive dilettantistiche, nonché soggetti di cui all’art.67 co.1 del DPR 917/86.

 

DUVRI (DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI)

In merito al DUVRI la principale novità prevede che il coordinamento e la cooperazione tra Committente, appaltatori e subappaltatori ai fini della tutela della sicurezza dei lavoratori e per il rispetto dei principi antinfortunistici derivanti da interferenze tra diverse lavorazioni (art.26 del D.Lgs. n.81/08) possono essere attuati, esclusivamente per le attività a basso rischio infortunistico, nominando un incaricato dotato di adeguati requisiti e specifica conoscenza delle attività previste.

A tal proposito si ricorda che l’art.26 del D.Lgs. n.81/08 prevede l’obbligo in carico al DdL, in caso di affidamento di lavori, servizi e forniture all’impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all’interno della propria azienda o di una singola unità produttiva della stessa, nonché nell’ambito dell’intero ciclo produttivo della medesima azienda di:

1. Verificare l’idoneità tecnico professionale delle impresa appaltatrici o dei lavoratori autonomi in relazione ai lavori affidati mediante l’acquisizione del certificato di iscrizione alla CCIAA, dell’autocertificazione dell’impresa appaltatrice o del lavoratore autonomo in merito al possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale

2. Fornire a imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi le necessarie informazioni relative ai rischi associati all’ambiente in cui i medesimi soggetti dovranno operare e alle relative misure di prevenzione e protezione atte a ridurre tali rischi

All’interno di questo scenario l’art.26 prevede che i DdL, compresi quelli di eventuali imprese subappaltatrici si coordinino e cooperino per l’attuazione delle misure di protezione e prevenzione dai rischi derivanti dalle attività oggetto d’appalto e per uno scambio reciproco di informazioni e procedure volte a ridurre i rischi derivanti dalle interferenze delle lavorazioni di competenza

La Legge “Fare” modifica i commi 3 e 3 bis dell’art.26 introducendo, come sopra anticipato, la possibilità per il DdL, limitatamente ai settori di attività a basso rischio di infortuni e di malattie professionali, di individuare, in luogo alla predisposizione del Documento Unico di Valutazione dei Rischi (DUVRI), un proprio incaricato, in possesso di formazione, esperienza e competenza professionale adeguate e specifiche in relazione all’incarico conferito, nonché di periodico aggiornamento e di conoscenza diretta dell’ambiente di lavoro. Dell’individuazione dell’incaricato summenzionato e della sua eventuale sostituzione durante l’esecuzione dei lavori, deve essere data evidenza all’interno del contratto d’appalto o d’opera.

….L’ARTICOLO SUL DUVRI CONTINUA – accesso riservato agli abbonati.

.

L’articolo continua illustrando le altre novità in materia:

  • CAMPO DI APPLICAZIONE DEL D.LGS. N.81/08
  • DUVRI (DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI)
  •  SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI
  • MODALITA’ DI EFFETTUAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI
  •  CAPACITA’ E REQUISITI PROFESSIONALI DEGLI ADDETTI ED EI RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE INTERNI ED ESTERNI
  • FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI LORO RAPPRESENTANTI
  •  NOTIFICHE ALL’ORGANO DI VIGILANZA
  •  USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE-OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO IN AMBITO DI VERIFICHE PERIODICHE
  •  PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI, DA AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI, DAI RISCHI DERIVANTI DALL’ESPOSIZIONE ALL’AMIANTO ED ESPOSIZIONE AGLI AGENTI BIOLOGICI
  • DURC
  • LE PRESTAZIONI LAVORATIVE DI BREVE DURATA
  • DETERMINAZIONE PREZZO NEGLI APPALTI PUBBLICI

 

 

Il contenuto e i materiali seguenti sono riservati agli abbonati. Si prega di autenticarsi inserendo i propri dati nel form a destra. Per leggere i contenuti, scaricare i file e accedere all'area riservata, è possibile sottoscrivere l'abbonamento (50 € + iva x 13 mesi). Per info visitare questo indirizzo: http://goo.gl/veuHf

 

 Per ogni ulteriore informazione e per abbonarsi è possibile contattate la segreteria organizzativa al numero 0236579619.