Avcp parere su corretta applicazione dell’art. 89, comma 1, lettera i) del D.Lgs. n. 81/2008

Avcp – Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture – ha emesso un importante parere sull’applicazione dell’articolo 89 comma 9 lett.I del D.Lgs 81/08 in materia di sicurezza del lavoro, con riferimento specifico ai lavori edili e di ingegneria civile.

Pubblichiamo un estratto significativo.

Autorità Vigilanza Contratti Pubblici  Prot. Uscita del 27/07/2010 Numero: 0048963 Classifica: 8880000480271

Alla luce di quanto sopra, pertanto, si ritiene conclusivamente che l’espressione “consorzi di imprese” contenuta nell’art. 89 del D.Lgs. n. 81/2008, deve essere intesa come riferita a tutti i soggetti con natura plurima, abilitati ai sensi del D.Lgs. 163/2006, alla partecipazione a gare pubbliche ed all’assunzione dei relativi lavori, dunque comprensiva anche delle ATI e delle diverse tipologie di consorzio ivi previste. In tutti tali casi, il legislatore richiede l’individuazione di una unica impresa affidataria ai fini dell’espletamento dei compiti in materia di sicurezza sanciti negli articoli 96 e 97 del D.Lgs. n. 81/2008. Tale individuazione è rimessa alla libera determinazione delle parti – ancorché per le ATI tale ruolo dovrebbe essere svolto dalla mandataria – e deve essere comunicata alla stazione appaltante in sede di stipula del contratto d’appalto.

Il documento integrale è accessibile per i clienti che hanno sottoscritto il servizio Professional Newsletter CLICCANDO QUI

Per informazioni su come abbonarsi alle Professional Newsletter, CLICCA QUI