DEFIBRILLATORI PER IL SETTORE SPORTIVO DILETTANTISTICO

NAPO DAEDEFIBRILLATORI PER IL SETTORE SPORTIVO DILETTANTISTICO: PROROGA PER TUTTI al 01.01.2017

Il recente decreto contenente le misure per l’emergenza terremoto ha introdotto la proroga dell’adozione dei defibrillatori semiautomatici e questa proroga ha efficacia su tutto il territorio nazionale: non si limita ai territori colpiti da terremoto.

Sottolineiamo un aspetto importante che deve essere messo all’attenzione dei datori di lavoro e dei dirigenti degli enti coinvolti: la mancata adozione dei defibrillatori o l’assenza di personale formato al loro uso, oltre alle normali sanzioni connesse all’inadempimento, espone il titolare della struttura alla ben più grave responsabilità penale per i fatti ed eventi (morte o lesioni) dovuti, anche solo in parte, alla mancata presenza di mezzi e persone addestrate BLSD.

Il decreto legge 17 ottobre 2016, n. 189   nell’ ambito degli interventi per le popolazioni colpite dal sisma ed estesa a tutto il territorio nazionale, sancisce l’obbligo dei defibrillatori per le associazioni sportive dilettantistiche, a decorrere dal 1° gennaio 2017 (Nota esplicativa – Ministero della Salute n. 11308 del 15/11/2016).

L’obbligo nasce dai seguenti provvedimenti:

Il Decreto del Ministero della Salute del 24 aprile 2013 (visto l’art. 7, comma 11, del decreto legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189) “Disciplina della certificazione dell’attività sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l’utilizzo di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri dispositivi salvavita”, adottato di concerto con il Ministero per gli affari regionali, il turismo e lo sport, ha disposto (articolo 5, comma 5) l’obbligo per le società sportive professionistiche (di cui al Capo II della legge 23 marzo 1981, n. 91 e successive modifiche e integrazioni) e per quelle dilettantistiche (di cui al comma 17 dell’art. 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 e successive modi- fi che e integrazioni) di dotarsi di defibrillatori semiautomatici, rispettivamente, entro 6 mesi ed entro 30 mesi dalla data di entrata in vigore del medesimo Decreto, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 luglio 2013, n. 169.

Secondo quanto disposto dalle Linee guida allegate al decreto (Allegato E) e relative alla dotazione ed all’utilizzo dei defibrillatori, in ciascun impianto sportivo, occorre garantire:

  • Almeno un defibrillatore facilmente accessibile,disponibile e funzionante;
  • La presenza di personale formato (in conformità alle Linee guida nazionali del 2003 così come integrate dal D.M. 18 marzo 2011);
  • L’aggiornamento biennale del personale incaricato.

Con il Decreto 11 gennaio 2016 del Ministero della Salute, è stato disposto il differimento del termine previsto (20 gennaio 2016) di sei mesi per il settore sportivo dilettantistico, al fine di consentire che vengano completate, su tutto il territorio nazionale, le attività di formazione degli operatori circa il corretto utilizzo dei defibrillatori semiautomatici.

Nuova proroga al 30 Novembre 2016 con il Decreto 19 Luglio 2016, modifica del decreto 24 aprile 2013, recante: «Disciplina della certificazione dell’attività sportiva non agonistica e amatoriale e linee guida sulla dotazione e l’utilizzo di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri dispositivi salvavita».

Giunge infine la proroga al 01/01/2017 sopra descritta.

Ricordiamo alla gentile clientela che Bernieri Consulting effettua i corsi di formazione BLSD (per l’uso dei defibrillatori) specifici, accreditati a norma di legge, e presso l’azienda, per gruppi fino a 6 partecipanti.

Per ogni informazione a riguardo, contattate la segreteria organizzativa al numero 0236579618