Interpello: servizi igienico-assistenziali a disposizioni dei lavoratori.

minlavoroIl Ministero del Lavoro, con risposta a interpello n.4 del 2 maggio 2013, è intervenuto in merito agli obblighi per il datore di lavoro, statuiti dall’art.63, co.1, D.Lgs. n.81/08, di mettere a disposizione dei lavoratori acqua in quantità sufficiente per uso potabile e per lavarsi e locali di riposo, spogliatoi, docce, gabinetti e lavabi con acqua corrente calda e, se necessario, mezzi detergenti e per asciugarsi. Il Ministero ha stabilito che nei casi in cui il posto di lavoro sia collocato all’interno di un ambiente ben definito e circoscritto, il datore assolve ai suoi obblighi mettendo a disposizione questi servizi anche non in uso esclusivo, purché questi siano fruibili dai lavoratori in maniera agevole senza aggravio di costi e nel rispetto delle norme igieniche.