ISI INAIL 2017: finanziamenti alle imprese

Anche quest’anno, l’Inail finanzia, in conto capitale, le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Tali finanziamenti(complessivamente 244.507.756 euro) sono a fondo perduto e vengono assegnati fino ad esaurimento e secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande. Vediamo nel dettaglio.

Soggetti beneficiari

Destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Progetti finanziabili

1. Progetti di investimento

2. Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale

3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto

4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività.

Contributo erogabile

Il contributo, pari al 65% dell’investimento, fino a un massimo di 130.000 euro (50.000 euro per i progetti di cui al punto 4), viene erogato a seguito del superamento della verifica tecnico amministrativa e la conseguente realizzazione del progetto ed è cumulabile con benefici derivanti da interventi pubblici di garanzia sul credito.

Presentazione della domanda: tempi e modalità

PRIMA FASE

  • Inserimento online della domanda

Dal 19 aprile 2017, fino alle ore 18.00 del 5 giugno 2017, nella sezione “Accedi ai servizi online” del sito Inail, le imprese registrate e dunque in possesso delle credenziali di accesso, avranno a disposizione un’applicazione informatica per la compilazione della domanda, che consentirà di:

• effettuare simulazioni relative al progetto da presentare;

• verificare il raggiungimento della soglia di ammissibilità;

• salvare la domanda inserita;

• effettuare la registrazione della propria domanda attraverso l’apposita funzione presente in procedura tramite il tasto “invia”.

ATTENZIONE: le aziende sprovviste di credenziali, dovranno effettuare la registrazione sul portale Inail, nella sezione “Accedi ai servizi online”, entro e non oltre le ore 18.00 del 3 giugno 2017.

  • Download del codice identificativo

Dal 12 giugno 2017 le imprese che hanno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista e salvato definitivamente la propria domanda, effettuandone la registrazione attraverso l’apposita funzione presente in procedura tramite il tasto “invia”, potranno accedere all’interno della procedura informatica ed effettuare il download del proprio codice identificativo che le identifica in maniera univoca.

SECONDA FASE

  • Invio del codice identificativo (click-day)

Le imprese potranno inviare attraverso lo sportello informatico la domanda di ammissione al finanziamento, utilizzando il codice identificativo attribuito alla propria domanda e ottenuto mediante la procedura di download. Date e orari di apertura e chiusura dello sportello informatico per l’invio delle domande, saranno pubblicati sul sito Inail a partire dal 12 giugno 2017.Gli elenchi in ordine cronologico di tutte domande inoltrate, con evidenza di quelle collocatesi in posizione utile per l’ammissibilità al finanziamento, saranno pubblicati entro sette giorni dal giorno di ultimazione della fase di invio del codice identificativo.

TERZA FASE

  • Invio della documentazione a completamento della domanda

Le imprese collocate in posizione utile per l’ammissibilità al finanziamento (in evidenza entro sette giorni dal giorno di ultimazione della fase di invio del codice identificativo), dovranno far pervenire all’Inail, entro e non oltre il termine di trenta giorni decorrente dal giorno successivo a quello di perfezionamento della formale comunicazione degli elenchi cronologici, la copia della domanda telematica generata dal sistema e tutti gli altri documenti, indicati nell’ Avviso pubblico,per la specifica tipologia di progetto.

OGNI REGIONE PUBBLICA IL PROPRIO AVVISO, fornendo dettagli in merito a modalità, tempi di erogazione dei finanziamenti e condizioni di ammissibilità agli stessi. 

I clienti assistiti da consulenza diretta della Bernieri Consulting potranno presentare la richiesta di sconto, attivandosi rapidamente per definire e programmare ed attuare le misure che danno accesso al beneficio.

Attenzione: occorre valutare attentamente l’opportunità di presentare la domanda di sconto.
La richiesta di un beneficio lavoristico, come lo sconto INAIL, comporta sempre la concreta possibilità di essere sottoposti a verifica documentale o ispettiva in relazione a quanto dichiarato. Ogni procedura ispettiva ha carattere discrezionale e non si può prevedere con certezza l’esito della valutazione operata dai funzionari INAIL. Inoltre, con riferimento alla richiesta di sconto inail con OT24, la documentazione probatoria è particolarmente ampia e non è sempre facile recuperarla integralmente.
Segnaliamo che, in caso di esito negativo della verifica documentale, è prevedibile, oltre alla revoca del beneficio e all’applicazione di una sanzione, anche la segnalazione dell’azienda agli enti ispettivi territoriali (ASL) per la rispettiva programmazione delle attività di vigilanza.

Anche nei casi in cui sia possibile produrre la documentazione probante richiesta per la compilazione del modulo OT24 riferito alle attività di prevenzione da noi realizzate, pur garantendo l’esatto adempimento agli obblighi di legge, consigliamo di astenersi dalla presentazione della domanda qualora il beneficio atteso dallo sconto sia di modica entità (sotto i 6.000 Euro) e non giustifichi il maggior rischio di ispezione e i maggiori costi di gestione della verifica ispettiva.