MoVaRisCh aggiornato al D.Lgs 81/08

In occasione di un convegno di presentazione presso la ASL di Modena, è stato rilasciato ai partecipanti il software per la valutazione del rischio chimico MoVaRisCh versione 2009, aggiornato al testo vigente del D.Lgs 81/08 e conforme ai nuovi modelli di valutazione imposti dalle più recenti modifiche legislative.

Il software, attualmente non distribuito in rete, è freeware (nessun costo di acquisto o di uso) ed è, assieme ad Inforisk, il più autorevole strumento di valutazione del rischio chimico ad oggi disponibile.

Il software è edito dalla ASL di Modena , e realizzato da:

Dr. Roberto Finesi – Via G. Fabbroni, 25 – 00191 Roma e Dott. Celsino Govoni Dipartimento Sanità Pubblica – Azienda USL di Modena Via Marcello Finzi, 211 – 41100 Modena

Il programma viene condiviso gratuitamente con gli iscritti alle newsletter professionali Bernieri Consulting. Per effettuare il Download, è necessario accedere all’apposita area.

 

 

Il contenuto e i materiali seguenti sono riservati agli abbonati. Si prega di autenticarsi inserendo i propri dati nel form a destra. Per leggere i contenuti, scaricare i file e accedere all'area riservata, è possibile sottoscrivere l'abbonamento (50 € + iva x 13 mesi). Per info visitare questo indirizzo: http://goo.gl/veuHf

Attenzione, Bernieri Consulting non è un distributore ufficiale di MoVaRisCh nè intende far pagare tale software che  è gratuito ed è disponibile in rete a cura della ASL di Modena. Il software viene messo a disposizione dei clienti dello studio e degli abbonati alle Newsletter Professionali, come ogni altro documento, come servizio professionale.

.

Riportiamo le note di rilascio del modello di calcolo MoVaRisCh:

In alternativa alla misurazione dell’agente chimico è possibile, e largamente praticato, l’uso di sistemi di valutazione del rischio basati su relazioni matematiche (o su modelli grafici) denominati algoritmi (letteralmente: procedure di calcolo).

Gli algoritmi (o i modelli) sono procedure che assegnano un valore numerico ad una serie di fattori o parametri che intervengono nella determinazione del rischio pesando, per ognuno di essi in modo diverso, l’importanza assoluta e reciproca sul risultato valutativo finale.

Ovviamente un algoritmo (o un modello) risulta tanto più efficiente quanto più i fattori individuati e il loro “peso” sono pertinenti alla tipologia di rischio trattato.

I fattori individuati vengono quindi inseriti in una relazione matematica semplice (o in un modello grafico) la quale fornisce un indice numerico che assegna, non tanto un valore assoluto del rischio, quanto permette di  inserire il valore trovato in una “scala numerica del rischio” individuando, per la situazione analizzata una graduazione dell’importanza del valore dell’indice calcolato.

Assume quindi importanza nella costruzione di un algoritmo:

  • l’individuazione puntuale dei parametri che determinano il rischio;
  • l’individuazione del “peso” dei fattori di compensazione nei confronti del rischio;
  • l’individuazione della relazione numerica che lega  i parametri fra di loro (fattori additivi, moltiplicativi, esponenziali,…);
  • l’individuazione della scala dei valori dell’indice in relazione al rischio (per esempio: molto basso, basso, medio, medio-alto, alto …. ).

Il modello proposto è una modalità di analisi che consente di effettuare la valutazione del rischio secondo quanto previsto dall’articolo 223 comma 1. del D.Lgs. 81/08 (Titolo IX Capo I “Protezione da agenti chimici”): nel modello è infatti prevista l’identificazione e il peso da assegnare ai parametri indicati dall’articolo di legge e dai quali non è possibile prescindere.

Il modello individua un percorso semplice, il più semplice possibile, per effettuare la valutazione del rischio da parte delle piccole imprese Artigiane, Industriali, del Commercio e dei Servizi senza dover accedere, almeno in questa fase, a valutazioni con misurazione dell’agente chimico.

Infine, il modello va inteso come un percorso di “facilitazione” atto a consentire, alle piccole e medie imprese, la classificazione al di sopra o al di sotto della soglia del rischio IRRILEVANTE PER SALUTE.

Occorre ribadire che le misure di prevenzione e protezione di carattere generale, quali quelle previste dall’Allegato IV D.Lgs.81/08 Punti 2. (Presenza nei luoghi di lavoro di agenti nocivi), 3. (Vasche, Canalizzazioni, Tubazioni, Serbatoi, Recipienti, Silos)  e 4. (Misure contro l’incendio e l’esplosione) e dall’articolo 224 comma 1. del D.Lgs.81/08, devono  essere adottate prima di eseguire la valutazione del rischio.