Nuovi reati presupposto nel D.Lgs 231/01 – anticorruzione

La Legge 6 novembre 2012, n.190 recante “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”  ,nota come la nuova legge anticorruzione, che entrerà in vigore il 28 novembre, apporta delle modifiche al Decreto legislativo 231/01 che disciplina la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica.

.

L’art. 1 punto 77 apporta le seguenti modifiche:

a) all’articolo 25:

1) nella rubrica, dopo la parola: «Concussione» sono inserite le seguenti: «, induzione indebita a dare o promettere utilita’»;

2) al comma 3, dopo le parole: «319-ter, comma 2,» sono inserite le seguenti: «319-quater»;

b) all’articolo 25-ter, comma 1, dopo la lettera s) e’ aggiunta la seguente:
«s-bis) per il delitto di corruzione tra privati, nei casi previsti dal terzo comma dell’articolo 2635 del codice civile, la sanzione pecuniaria da duecento a quattrocento quote».