Registro infortuni e CPI, cambiamenti nella manovra

Il testo della manovra d’estate 2010 (conversione in legge del decreto legge n. 78, del 31 maggio 2010) si delinea come definitivo e attende solo un passaggio, con voto di fiducia, alla Camera.

Sintetizziamo i punti della manovra che hanno dirette ripercussioni sul mondo della sicurezza del lavoro:

  • L’obbligo di valutazione del rischio stress lavoro correlato viene differito al 31/12/2010 per tutti, sia pubblica amministrazione che settore privato)
  • Il termine entro il quale predisporre i decreti attuativi richiamati dal Testo Unico in materia di sicurezza è ulteriormente differito di un anno
  • Viene abrogato l’obbligo di tenuta del registro infortuni
  • Vengono modificate le competenze dei VVF in relazione ai Certificati di Prevenzione Incendi (CPI). In particolare, tutte quelle attività precedentemente soggette a verifiche preventive possono essere ora avviate con una semplice “segnalazione dell’interessato”, ovvero una autocertificazione.
  • Soppressione dell’ISPESL e accorpamento nell’INAIL di molte funzioni istituzionali degli enti soppressi

Maggiori dettagli, testi ufficiali e servizi specifici saranno pubblicati appena verrà pubblicato in GU il provvedimento.