Rimborso INAIL per spese non assicurate per infortunati e tecnopatici – procedura e modulistica

La circolare n.63 del 13 novembre 2012 ha confermato il ruolo dell’INAIL  di sostenere l’onere delle prestazioni sanitarie, ove non siano già assicurate dal sistema sanitario o erogate direttamente dall’Inail, per infortunati e tecnopatici utili per il recupero dell’integrità  psicofisica. Per attuare il rimborso delle spese per le prestazioni sanitarie sostenute dagli assistiti è necessario che tali prestazioni vengano riconosciute necessarie dai medici dell’INAIL stesso. Per tale motivo si è proceduto alla definizione delle prestazioni sanitarie mediante l’individuazione delle specialità farmaceutiche o preparati per uso topico usati in chirurgia, ortopedia, oculistica, dermatologia, neurologia e psichiatria che potranno essere rimborsate durante il periodo di inabilità temporanea assoluta per infortuni e malattie professionali.

1. Chirurgia

1.1. Preparato per uso topico per ulcere croniche con tessuto fibrinoso o necrotico;

1.2. Preparati per uso topico a base antibiotica con e senza cortisone;

1.3. Garze impregnate di antisettico per cute lesa;

1.4. Crema antibatterica per ustioni;

1.5. Unguento per detersione enzimatica di piaghe necrotiche con e senza antibiotico;

1.6. Pomata antisettica;

1.7. Preparati a base di acido ialuronico con e senza antibiotico, nelle diverse  formulazioni  per favorire la riepitelizzazione della cute lesa.

 

2.            Ortopedia

2.1          Preparati per uso topico a base di antinfiammatori in creme, pomate, gel, cerotti;

2.2          Preparati per uso topico a base di eparina sodica;

2.3          Miorilassanti;

2.4          Antidolorifici per os;

2.5.        Immunoterapia batterica per il trattamento delle osteomieliti.

 

3.            Oculistica

3.1          Farmaci per uso topico (pomate e/o colliri) a base antibiotica, con o senza cortisonico per il trattamento di infezioni esterne di occhio ed annessi;

3.2          Pomate per il trattamento di abrasioni, ferite ed ustioni corneo congiuntivali;

3.3          Colliri midriatici per processi flogistici del segmento anteriore e posteriore dell’occhio;

3.4          Farmaci ipotonizzanti (compresse) per il trattamento dell’ipertono oculare;

3.5          Farmaci vasoprotettori ed antitrombotici (compresse) per il trattamento di emorragie retiniche.

 

4. Dermatologia

4.1 preparati cortisonici topici per il trattamento di dermatiti da contatto;

4.2 prodotti anticheloidi ( in diversa formulazione);

4.3 antibiotici per il trattamento topico di ferite o ustioni infette.

 

5. Neurologia e psichiatria

5.1 Ansiolitici ed ipnoinducenti;

5.2 Miorilassanti;

5.3 Attivanti cerebrali;

5.4 Antivertiginosi;

5.5 Antidolorifici per os;

5.6 Farmaci per il trattamento dell’incontinenza urinaria in pazienti con vescica iperattiva;

5.7 Farmaci per il trattamento dei disturbi della motilità intestinale da varie cause.

Al contempo si determinerà una quantificazione degli oneri finanziari sostenuti. Infatti le Direzioni regionali e le Strutture territoriali del settore marittimo dovranno trasmettere, con cadenza trimestrale, il numero e il costo delle specialità farmaceutiche rimborsate.

Se al termine della fase di sperimentazione sussistono margini di miglioramento in termini di risorse disponibili, il rimborso potrà essere esteso ad altre prestazioni sanitarie, nonchè alle cure necessarie nel periodo successivo alla stabilizzazione dei postumi, sia per gli infortuni sia per le malattie professionali.

Per poter accedere al rimborso l’assicurato dovrà produrre idonea prescrizione medica, nonché lo scontrino attestante l’acquisto del farmaco con indicazione del codice fiscale dell’assicurato medesimo e del codice ministeriale prodotto con il quale si può risalire al nome commerciale del farmaco.

Flusso procedurale

 

1.            la richiesta di rimborso, redatta secondo il modulo allegato (all.2), relativa alla prescrizione medica recante data antecedente all’acquisto del farmaco e corredata di scontrino fiscale contenente gli elementi sopra specificati, perviene alla funzione amministrativa, dopo essere stata debitamente scansita e acquisita in pratica;

2.            in caso di carenza di documentazione, la funzione amministrativa la richiede all’assicurato e se non perviene entro 15 giorni, definisce negativamente la richiesta dandone comunicazione all’assicurato, secondo il modulo allegato (all.3);

3.            a seguito di riconoscimento del caso (modello 20I o modello 20I/bis), come regolare sia dal lato amministrativo sia dal lato sanitario (anche senza indennizzo), la funzione amministrativa invia la richiesta di rimborso e i relativi allegati alla funzione sanitaria che esamina la richiesta stessa;

4.            nel caso in cui il farmaco, rientrante nell’elenco sopra indicato, risulti necessario al recupero dell’integrità psicofisica, la funzione sanitaria autorizza, in calce alla richiesta, il rimborso e invia il modulo alla funzione amministrativa;

5.            la funzione amministrativa, su indicazione della funzione sanitaria, inserisce la spesa, nonché il codice relativo alla branca di appartenenza del farmaco e quello relativo ai singoli farmaci e provvede all’accoglimento della richiesta, dandone comunicazione all’interessato, secondo il modulo allegato (all. 4);

6.            nel caso in cui il farmaco non risulti necessario al recupero dell’integrità psicofisica, la funzione sanitaria esprime, in calce alla richiesta, parere negativo e invia il modulo alla funzione amministrativa che respinge la richiesta dandone apposita comunicazione all’assicurato, secondo il modulo allegato (all.5);

7.            nel caso in cui nella richiesta di rimborso vengano indicati più farmaci e alcuni di essi non risultino necessari al recupero dell’integrità psicofisica, si procede come ai punti precedenti, dandone comunicazione all’assicurato, secondo il modulo allegato (all.6).

Con la nota n.10322 del 16 novembre, si precisa che le prestazioni di natura sanitaria di competenza esclusiva dell’Inail in favore di tecnopatici e infortunati sono:

  • le prestazioni medico-legali;
  • le prestazioni di assistenza protesica;
  • le spese di viaggio e di soggiorno sostenute per l’effettuazione di cure idrofangotermali prescritte dal SSN.

Pertanto, tutte le prestazioni connesse o meno a un infortunio sul lavoro o a una malattia professionale sono a carico del Servizio Sanitario nazionale. Sono,  invece , a carico dell’Inail le prestazioni protesiche e quelle medico-legali eseguite su richiesta dell’Istituto.

 

Alleghiamo di seguito la modulistica sopra citata.

Il download è riservato ai clienti e agli abbonati. Per abbonarti subito CLICCA QUI

Il contenuto e i materiali seguenti sono riservati agli abbonati. Si prega di autenticarsi inserendo i propri dati nel form a destra. Per leggere i contenuti, scaricare i file e accedere all'area riservata, è possibile sottoscrivere l'abbonamento (50 € + iva x 13 mesi). Per info visitare questo indirizzo: http://goo.gl/veuHf